giovedì 28 novembre 2019

Progetto FORCHETTE VERDI A MILANO, A TAVOLA CON IL PIANETA





La nostra Associazione CCC nello scorso mese di luglio ha incontrato Simona (nostra storica socia) ed Erika (nuova socia) che ci hanno presentato un loro progetto di sensibilizzazione alimentare per poter fare scelte sostenibili in ciò che ogni giorno scegliamo nei nostri pasti, oltre ad una diffusione della possibilità di creare dei micro spazi di coltivazioni orticole anche in terrazze, balconi o piccoli giardini privati, ovviamente utilizzando una tecnica particolare di coltivazione (orto Bioattivo) che va nella medesima direzione per una tutela ambientale e della salute di chi poi utilizza ciò che viene prodotto.
Da questo incontro si è poi passati alla presentazione del progetto per il bando


dove siamo stati selezionati per la fase di crowdfunding (tuttora in corso) per la riuscita dell'iniziativa.

Tutti i dettagli li potete trovare a questo LINK

SOSTENETECI E DIVENTATE FORCHETTE VERDI
 
Vi terremo aggiornati

martedì 15 ottobre 2019

DIMISSIONI DEL PRESIDENTE

Buon giorno a tutti,

Comunico che il sottoscritto Ing. Franco Puglia si è dimesso dal suo incarico di presidente di questa associazione, in quanto tale ruolo non è più compatibile con la mia assunzione di responsabilità nella Lista Civica di nuova formazione MuoverMi, contenitore politico che ho contribuito a far nascere ed in cui avrò un crescente impegno.
Rimetto il mio mandato nelle mani del vice presidente Gabriella Baio.
Il nuovo presidente verrà eletto nella prossima assemblea straordinaria di CCC, che verrà indetta dal vice presidente.
Auguro a tutti i soci una costruttiva continuazione della loro vita associativa.

Ing. Franco Puglia






martedì 28 maggio 2019

FATE LARGO...........a una storia vera

C'ERA UNA VOLTA.....................e come si poteva iniziare diversamente parlandovi di una storia che riguarda un piccolo parco, in una piazza del Giambellino, Largo Antonio Balestra?
In piena striscia di confine tra i quartieri degradati dell'ormai tristemente famoso "Quadrilatero del Lorenteggio" e le nuove realtà commerciali e di moda&design delle aree riqualificate di Via Savona e Via Tortona.

Ebbene sì, c'era una volta nell'ormai lontano mese di luglio 2017 una grossa richiesta di intervento di riqualificazione da parte dei cittadini che abitano intorno alla piazza, compresi i genitori ed insegnanti degli studenti della attigua Scuola Media Rinascita che ogni santo giorno erano testimoni di episodi di degrado e distruzione di un Bene Comune quale un parco attrezzato a spazio verde per passeggio e sosta della cittadinanza.

Spaccio H24, sporcizia, episodi di criminalità efferata quali risse ed accoltellamenti che avevano fatto ormai allontanare tutti da quegli spazi.





Mi fu chiesto se come Associazione CCC  si potesse fare qualcosa. Pur abitando in una zona vicina per distanza ma separata dal Naviglio e con situazioni oggettive decisamente agli antipodi, decisi di dedicarci tempo e ragionamento. 
La nostra Associazione CCC nasce con lo scopo di "Fare Rete", confederare le diverse realtà della cittadinanza attiva che operano sul territorio (associazioni, comitati, gruppi di quartiere) e questo fu quanto iniziai a porre come base operativa per creare un progetto di riqualificazione che volli chiamare con 2 semplici parole : FATE LARGO.
FATE LARGO alla partecipazione civica della cittadinanza  attiva, FATE inteso come agite, progettate, proponete, indirizzato ai cittadini, soprattutto a chi continua delegare ad altri (politici amministratori) ciò che potrebbe fare in prima persona utilizzando gli strumenti che si hanno a disposizione. LARGO per richiamare il luogo dell'intervento, Largo Balestra.
Dopo un primo sopralluogo per rendermi conto da dove bisognava ripartire, oltre alla sopracitata scuola Rinascita (punto di riferimento pluridecennale quale sperimentazione di attività extra-scolastiche, molto attivi e conosciuti), chi meglio dell'Associazione Handicap su la Testa, di cui la sede è situata in Largo Balestra da tantissimi anni poteva aiutarmi per strutturare una proposta di riqualificazione?


La mia idea progettuale fu accolta con interesse, uno stimolo importante per formare una squadra completa di altre sezioni necessarie, Needle Agopuntura Urbana, giovani architetti specializzati in urbanismo tattico ed Epeira, associazione che si occupa della gestione del conflitto a tutti i liveli, utilissima per la coesione interna del gruppo e per le future interazioni con la cittadinanza, non sempre facili da gestire ed ottimizzare.
Nasce così il progetto FATE LARGO, che partecipa nell'autunno del 2017 al secondo Bilancio Partecipativo del Comune di Milano, strumento istituzionale per dare la possibilità alla cittadinanza attiva di presentare progetti concreti di riqualificazione urbana a 360° con la prospettiva di essere realizzati dall'amministrazione.
4.500.000 € totali, divisi equamente tra i 9 Municipi.
Partecipiamo alla prima fase di selezione che, nel nostro Municipio 6, ci vede passare al passaggio successivo (valutazione tecnica di fattibilità delle opere) al 7° ed ultimo posto disponibile con 120 voti complessivi. 
Passiamo senza alcuna obiezione l'esame dei tecnici comunali, grazie alla meticolosità progettuale e ad un ottima presentazione preparata dai nostri esperti urbanisti ed iniziamo ad incontrare la cittadinanza per un serio e meticoloso confronto tra le nostre proposte e le esigenze degli abitanti al fine di affinare il tutto prima del rush finale del voto che nominerà i 9 progetti vincitori.




Nel frattempo, già sollecitata da tempo dai cittadini come necessario deterrente e barriera al moltiplicarsi degli episodi di micro-criminalità e degrado, spinta anche dall'eco del nostro intervento, il Municipio 6 stanzia i fondi e realizza una adeguata recinzione che, almeno per le ore notturne (quelle più a rischio), rimette in sicurezza il giardino e ne attenua le conseguenze nefaste sopra descritte.




Si arriva al mese di voto decisivo, aprile 2018, FATE LARGO prevale su tutti gli altri progetti presenti nel Municipio 6 con 1.780 voti, piazzandosi sul podio generale di Milano quale 3° progetto più votato dall'intera popolazione milanese che ha partecipato alla fase di voto finale.


200.000 €, disponibili dalla fine 2020, saranno destinati a realizzare quanto da noi proposto: nuove aree giochi per bambini ed adolescenti, spazi di incontro per adulti e pensionati, un palco interno ed esterno al giardino per concerti, teatro, presentazioni e quant'altro, uno spazio orticolo per la sperimentazione di nuove forme di coltivazione rispettose della natura e della sostenibilità (orto bio-attivo), murales e decorazioni ai muri circostanti la piazza ed altri dettagli in divenire.

Sin dal primo giorno giorno successivo alla vittoria, il Team Fate Largo che si era creato è stato avviato dal sottoscritto alla costituzione di una Associazione, per creare un'entità di scopo che potesse diventare punto di riferimento autonomo e cuore pulsante dello sviluppo progettuale.
Nasce l'Associazione Fate Largo E.T.S., che ha come obiettivo la riqualificazione non solo di arredi ma anche di iniziative ed attività che possano rigenerare a livello sociale e di frequentazioni gli spazi  oggetto del progetto.
Grazie all'impegno ed alle nuove idee si riescono a trovare nuovi fondi privati che ci permetteranno di realizzare sin da subito alcune delle opere presenti nel progetto, realizzate in forma provvisoria.

Il 23 maggio 2019 l'Associazione Fate Largo firma ufficialmente con il Comune di Milano un Patto di Collaborazione per la gestione condivisa del Bene Comune (i giardini di Largo Balestra) quale referente primario per le future attività che si svolgeranno nel parco.



Anche a questo punto non si può e non si deve mettere il gran finale per ogni bella storia a lieto fine perchè " E VISSERO FELICI E CONTENTI" è un testimone che la cittadinanza attiva deve passarsi da generazione in generazione successiva, guai a dimenticarselo!

Luca Vinti (Consigliere CCC)

sabato 18 maggio 2019

STRATEGIE DI INTERVENTO DI CCC NEL 2019 ED ANNI A VENIRE

L'esperienza di due anni di vita associativa ci racconta quanto sia difficile aggregare persone attorno ad un progetto, quanto le persone siano disposte magari ad aderire ad una idea, ma senza alcuna capacità o volontà di contribuire personalmente al progetto, limitandosi a delegare, senza spendere una briciola del loro tempo.
E le associazioni già costituite si chiudono in se stesse: un'idea federativa neppure le sfiora.

Le nostre risorse umane, oggi, sono molto limitate ; possiamo quindi svolgere un ruolo delimitato dalle poche competenze che siamo in grado di offrire, in assenza di interlocutori che non siano, genericamente, quelli collegati alla presenza in rete, visto che a livello istituzionale milanese la maggioranza di governo è BULGARA ed anche le nostre relazioni con l'opposizione (Forza Italia ed M5S) non ci permettono di incidere sulle scelte del Comune, visto che l'opposizione non ha la forza dei numeri.

Possiamo tuttavia immaginare di consolidare la nostra immagine ed il nostro ruolo con alcuni incontri pubblici, organizzati a nostre spese, occasione anche per raccogliere modeste offerte che coprano almeno la spesa di affitto temporaneo dello spazio di incontro.
Creare occasioni di INCONTRO FISICO ci rende meno virtuali, e può stimolare nuovi sviluppi.

In questi incontri, ma anche più in generale, attraverso la RETE, dovremmo occuparci di pochi temi da approfondire, per poi presentarli al pubblico tramite alcuni relatori qualificati, nostri e non.
QUALI TEMI ?

Sin qui ci siamo occupati di :
Energia (termovalvole e contabilizzazione di calore nei condomini)
Recupero del territorio (Largo balestra)
Educazione (essenzialmente legata alla gestione degli animali domestici)
Viabilità ed infrastrutture (grazie ai contributi fondamentali di Gianluca Gennai) con particolare riguardo al tema della ricostruzione dei navigli, speriamo sepolta.
Edilizia popolare e dintorni, con incontri a livello istituzionale e con assistenza occasionale di inquilini.

Con le risorse e competenze attuali, possiamo continuare ad occuparci di temi energetici, ma forse in un'ottica più ampia, che coinvolge anche altri temi, come quello della circolazione motorizzata urbana e della produzione di inquinanti.

In merito al recupero del territorio, servono risorse umane che al momento non vedo : Luca Vinti ha condotto la splendida operazione di Largo Balestra perché a lui contigua, residenzialmente, ed avendo la capacità progettuale di immaginare e gestire un tale intervento.
Non credo che possa e voglia replicare altrove, anche tenuto conto dei suoi nuovi impegni di lavoro.

In merito alle infrastrutture ed alla viabilità, oltre alle competenze tecniche dell'Ing. Gianluca Gennai, (purtroppo residente all'estero per molta parte del suo tempo) abbiamo adesso una “new entry” (Elio Monza) che ha uno specifico interesse sui temi viabilistici di Milano.
Su questo tema, quindi, potremmo sviluppare del lavoro, e potremmo anche pensare di tenere delle conferenze pubbliche, individuando, magari, un argomento CALDO.

Quanto al tema dell'edilizia popolare e del degrado urbano ad essa spesso correlato, non riesco ad immaginare un percorso di sviluppo senza una numerosa collaborazione costruttiva di residenti, che a quanto pare non siamo riusciti a coinvolgere, e che esprimono più spesso solo bisogni, nell'incapacità di offrire apporti costruttivi.

Il tema legato agli animali domestici è molto di nicchia, è espressione di una passione per i cani coltivata da Oscar Persico e credo che il suo sviluppo possa e debba dipendere soltanto da iniziative di Oscar ed altri eventuali interessati, ma pur essendo un tema di interesse generale, si traduce in interventi molto specifici (gestione aree cani, corsi di addestramento remunerati, ecc), in maniera analoga ad altre lodevoli iniziative di assistenza agli anziani, o ai senza tetto, o ai disabili, tutte meritevoli di elogio, ma marginali rispetto alle caratteristiche della nostra associazione, che NON SONO operative, ma sono di studio ed indirizzo.
CCC non fornisce servizi : è nata per riunire le forze civiche sui grandi temi della città, che hanno una natura squisitamente politica, pur non proponendosi come movimento politico propriamente detto, con finalità elettorali.

E qui vorrei avviarmi a concludere cercando di proporre una SINTESI di quanto sin qui espresso, facendo rilevare come molti dei temi elencati siano in realtà parte di un solo grande tema centrale che sta assumendo un carattere politico di enorme rilievo, nazionale ed internazionale.
Sto parlando di SVILUPPO URBANO, nel contesto globale dei cambiamenti climatici planetari e del crescente inquinamento di terra, acque ed aria determinato dall'impiego delle nostre risorse nell'ambito del nostro modello di sviluppo.
Questi temi iniziano ad avere un impatto urbano sempre più pesante, stravolgendo l'idea stessa di città e della sua fruizione. Ne sono espressione tutti i provvedimenti, crescenti, per la riduzione progressiva della viabilità motorizzata urbana, la promozione della ciclopedonalizzazione milanese, le politiche volte all'azzeramento di ogni tipo di inquinante nell'aria, nuove ipotesi di gestione del riscaldamento invernale degli edifici anche facendo ricorso ad energie alternative, la ricostruzione di vie d'acqua cittadine, il tutto condito da utopie impraticabili destinate a dividere i cittadini ed a produrre un clima di scontro crescente.
Riscaldamento planetario, presunto effetto serra da CO2 antropica, lotta senza quartiere allo sfruttamento dei combustibili derivati dal petrolio, soffocamento da rifiuti, di difficile smaltimento nonostante le tecnologie più avanzate, stanno per produrre su tutte le nostre città, e su Milano in particolare, un impatto considerevole che va affrontato. Qui tutti i temi che abbiamo sin qui affrontato trovano una loro sintesi, coinvolgendo anche il tema abitativo, delle periferie e del degrado che le caratterizza, prodotto da condizioni di sviluppo cittadino, anche sul piano economico, che favoriscono molti, ma emarginano troppi, portando Milano lungo un cammino schizofrenico che ci  propone una città verde per turisti di passaggio e residenti facoltosi unitamente a FAVELAS in progressiva disgregazione sociale, sul modello delle grandi città del terzo mondo. 

Cosa possiamo fare di fronte a tutto questo ? Soltanto ESPRIMERCI, in rete ed in pubblico, dando fondo alle nostre competenze e capacità, ciascuno per quello che può, in tutte le sedi possibili, diffondendo gli studi di quelli tra noi che sono in grado di produrli.

Nell'immediato non vedo altri sbocchi e sollecito tutti i soci ad esprimersi con le loro riflessioni  e le loro proposte.
Seguirà un incontro del Direttivo per approvare le linee guida per i prossimi mesi a venire.

Ing. Franco Puglia
Presidente – CCC-Milano

lunedì 11 febbraio 2019

IL NUOVO DIRETTIVO DI CCC

Sabato 9 Febbraio si è tenuta l'assemblea dei soci di CCC.
E' stato illustrato il consuntivo delle attività svolte nel corso del 2018, approvato il bilancio consolidato del 2018, e nominato il nuovo Direttivo dell'associazione per il 2019.
Qui alcune novità, tra cui l'avvicendamento al vertice di Luca Vinti e Franco Puglia che ricoprirà nel 2019 il ruolo di presidente dell'associazione, mentre Luca Vinti avrà il ruolo di Segretario.
Vice presidente : Gabriella Baio.
Tra le novità l'ingresso dell'Ing. Gianluca Gennai nel Direttivo. Oscar Persico è confermato nel Direttivo.
La Commissione di Garanzia, che richiede un minore impegno di tempo, per fortuna, passa a Giancarlo Vinti, come Presidente, unitamente a Tanya Venturelli ed Adele Longhi.
L'avvicendamento di ruolo tra Luca Vinti e Franco Puglia è stato determinato da motivi professionali di Luca Vinti, che lo vedranno maggiormente impegnato, con una conseguente riduzione del tempo che potrà dedicare all'associazione.

mercoledì 6 febbraio 2019

LETTERA APERTA AL SINDACO GIUSEPPE SALA

Una lettera DOVUTA, dopo quella inoltrata congiuntamente da WWF, Touring e Comitato Pro Martesana a favore di un rinnovato impegno a proseguire in questo folle progetto di ricostruzione dei navigli a Milano. Un esempio di associazioni che vengonomeno al loro ruolo fondativo per occuparsi d'altro, il WWF in particolare, nato per la tutela delle specie animali selvatiche, che nulla hanno a che vedere con l'ambiente urbano.

LETTERA APERTA AL SINDACO GIUSEPPE SALA

martedì 5 febbraio 2019

DOCCIA SCOZZESE CON L'ACQUA DEI NAVIGLI

Stasera, alle 17:30, il POTERE milanese illustrerà ai cittadini le sue conclusioni sulla vicenda "riapertura dei navigli" a seguito delle osservazioni formulata da una parte della cittadinanza.
Ne parliamo QUI .